Sapere Scienza

Sapere Scienza

Durante l’edizione 2015 del CES (Consumer Electronics Show) di Las Vegas, la fiera delle tecnologie di consumo che si tiene annualmente agli inizi di gennaio negli Usa, sono state almeno due le novità che hanno attirato le attenzioni di stampa e osservatori. Il primo ambito su cui sono stati puntati i riflettori è quello delle wearable technologies, di cui abbiamo già scritto in un recente articolo di “Tecnoconsumi”. La seconda categoria di tecnologie ad aver fatto la parte del leone è quella dei droni: i dispositivi radiocomandati che volano grazie a quattro eliche e che, nati in ambito militare, si avviano a diventare tecnologie accessibili dai consumatori finali.

 

Da strumenti di guerra ad oggetti di consumo

Sviluppati inizialmente nel settore militare, fino a pochi mesi fa i droni erano dispositivi per lo più sconosciuti, utilizzati in ambiti circoscritti e parte di un immaginario fantascientifico o esoterico. Nella seconda metà del 2014 si sono moltiplicate le notizie relative alla commercializzazione di nuovi modelli e alle possibili applicazioni al di fuori di settori professionali. Potremmo dire che stiamo assistendo a una fase particolare e cruciale nell’evoluzione di queste tecnologie: la transizione dei droni da costosi dispositivi per lo più utilizzati in ambiti professionali critici (come le ricognizioni di disastri naturali), a oggetti di consumo al centro di tendenze e mode tra i consumatori.

 

Come e dove useremo i droni

Uno degli ambiti della vita quotidiana in cui i droni volanti stanno diventando popolari è quello delle riprese video, legate in particolare alle attività sportive e al tempo libero. La caratteristica principale dei migliori modelli di droni destinati ai consumatori è proprio quella di essere in grado di registrare filmati di attività sportive: dalla bicicletta al calcio, dallo skateboard al football. Uno dei modelli più attesi del 2015 è infatti quello in fase di sviluppo da parte di GoPro, l’azienda leader nella produzione delle cosiddette action cameras, dispositivi audio-video ottimizzati per le riprese di sport estremi. In un futuro non molto lontano potremmo veder utilizzati i droni anche per le riprese televisive, per esempio nel caso delle partite di calcio, con la possibilità di offrire nuove inquadrature e prospettive per i telespettatori.

 

Una società sempre più affollata di robot

L’euforia che circonda questi dispositivi tecnologici ci fa riflettere sulle implicazioni che la loro diffusione avrà per la società e la nostra vita di tutti i giorni. La più generale di queste, riguarda la trasformazione del nostro ambiente sociale, in cui inizieranno a diffondersi tecnologie in grado, almeno in parte, di muoversi in autonomia nello spazio, dagli aspirapolvere robot alle auto che si guidano da sole. I droni aerei rappresentano forse uno dei modi attraverso cui inizieremo a circondarci di robot che ci assistono e migliorano alcune delle nostre attività, a cominciare dai nostri passatempi preferiti. I droni, che ci vengono oggi proposti come gli ultimi gadget tecnologici alla moda, diventeranno sempre più spesso presenze ricorrenti nella nostra esperienza. In questo scenario del prossimo futuro possiamo intravederei primi passi di una società in cui gli oggetti e i dispositivi si muoveranno in modo sempre più autonomo e autosufficiente: un mondo di droni e robot, come immaginavano decenni addietro scrittori di fantascienza come Isaac Asimov e Philip Dick.

Tag:
Paolo Magaudda

Sociologo dell'Università di Padova, dove si occupa del rapporto tra tecnoscienza, cultura e società, ed è segretario nazionale di STS Italia, la società scientifica che promuove lo studio sociale della scienza e della tecnologia.

Sito web: www.paomag.net

copertina   luglio-agosto 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.