Sapere Scienza

Sapere Scienza

Il primo millepiedi con… mille piedi!

17 Gennaio 2022 di 

I millepiedi sono tra i più antichi animali ad aver colonizzato le terre emerse, raggiungendo verso la fine del Carbonifero dimensioni considerevoli: il genere Arthropleura poteva arrivare a misurare quasi 2 metri di lunghezza.

 

Quante zampe hanno i millepiedi?


Anche la loro storia evolutiva è molto lunga, e oggi si conoscono 12.000 specie, essenzialmente detritivore o erbivore; la caratteristica principale del gruppo è quella di presentare due zampe per ogni segmento del loro corpo lungo e cilindrico. In genere questi piccoli animali si difendono dai predatori con sostanze chimiche irritanti o velenose, ma nessun millepiedi è pericoloso per l’uomo. Nonostante la loro elevata diffusione, e il fatto che alcune specie vengano allevate come animali da compagnia, la conoscenza di questo gruppo è ancora terribilmente incompleta.
Tra questi animali, l’ordine Polyzoniida è conosciuto sin dal Cretaceo, e oggi conta circa 70 specie che esibiscono una notevole diversità di comportamenti: alcuni hanno infatti cure parentali, altri si difendono rilasciando alcaloidi velenosi, e altri ancora sono capaci di avvolgersi in forma sferica per evitare la predazione. Questi piccoli animali sono diffusi in genere nel detrito vegetale, e contano intorno alle 400 zampe: di fatto, nessun millepiedi arriva a contare 1000 zampe – almeno, non fino al 2021, con la descrizione un nuovo genere (e una nuova specie): Eumillipes persephone.

 

La vita negli abissi terrestri


Eumillipes persephone è stato una vera sorpresa per gli specialisti di questi artropodi. Il suo nome generico sta a indicare che ha davvero 1000 piedi, e quello della specie si riferisce a Persefone, la dea greca del mondo sotterraneo. Infatti, questo piccolo (ma molto allungato) animale è stato ritrovato a 60 metri di profondità in una delle zone minerarie dell’Australia, e quindi appartiene a quel tipo di faune dette troglobie, adattate cioè a vivere in profondità nelle grotte.

 

 

banner abbonamento articoli

 


Le faune di grotta rappresentano una nuova frontiera per lo studio della biodiversità, proprio a causa della loro difficile accessibilità; non è infatti da escludere che Eumillipes sia molto più diffuso di quel che si creda nelle miniere e nelle grotte australiane. Forse proprio a causa del suo peculiare habitat, Eumillipes ha un corpo estremamente sottile e allungato, tanto che all’inizio si era pensato che fosse una specie nuova appartenente però a un’altra famiglia già ben nota. Solo il ricordo al microscopio elettronico ha permesso di scoprire che si trattava di un nuovo genere.

 

Mille e più piedi!


Oltre all’ambiente di vita e al fatto che si tratta di un nuovo genere, Eumillipes persephone è particolare per il suo personale record: con 1306 zampe, si tratta del primo millepiedi che abbia davvero 1000 zampe, ed è appunto l’animale con il più alto numero di zampe conosciuto.
Questo piccolo animale è perfettamente equipaggiato per vivere in ambienti sotterranei: le sue massicce antenne identificano la più piccola crepa nel terreno, e il resto del corpo è strutturato in modo da potersi muovere agilmente attraverso le aperture del substrato. Tuttavia, anche la biomeccanica di questo gruppo è ancora poco conosciuta, e occorrono ulteriori studi per comprendere gli adattamenti alla vita in tre dimensioni nel sottosuolo.
Eumillipes rappresenta perfettamente il tipo di sorpresa che gli studiosi di campo del mondo animale e vegetale riescono a trovare tanto spesso nonostante la crisi globale che sta devastando gli ecosistemi, ed è anche un eccellente esempio del perché mai come oggi dobbiamo fare di tutto per ridurre gli effetti nefasti della nostra civiltà sull’unico pianeta che abbiamo.
 

Immagine di copertina: copyright Aggyrolemnoixytes/Paul Marek - Wikimedia

Marco Signore

Laureato a Napoli in Scienze Naturali, PhD all'Università di Bristol in paleobiologia con specializzazioni in morfologia e tafonomia, è nella divulgazione scientifica da quasi 20 anni, e lavora presso la Stazione Zoologica di Napoli "Anton Dohrn". Nel tempo libero si occupa anche di archeologia, oplologia, musica, e cultura e divulgazione ludica.

copertina   luglio-agosto 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.