Sapere Scienza

Sapere Scienza

La strage dei coccodrilli cinesi

13 Gennaio 2023 di 
La strage dei coccodrilli cinesi

 

Un gruppo sino-giapponese di esperti ha recentemente pubblicato le proprie note sullostudio di due esemplari di coccodrillo, datati rispettivamente al XIV e X secolo a.C., e ritrovati nella provincia cinese del Guangdong. I resti, ben conservati, appartengono a un nuovo genere, denominato Hanyusuchus sinensis, che poteva raggiungere i 6 metri di lunghezza.
Esso si è rivelato molto importante per due motivi.
In primo luogo, si tratta di un gavialide (i gaviali sono quei coccodrilli con il muso stretto e lungo) che però mostra alcune caratteristiche vicine agli altri coccodrilli, e quindi aiuterebbe a spiegare l’evoluzione dei tre gruppi di coccodrilli oggi viventi – coccodrilli, alligatori e gaviali.

 

L’estinzione dei coccodrilli di Guangdong


L’altro motivo è invece correlato alla storia dei rapporti tra questi animali e gli umani. Le cronache cinesi narrano infatti che nel IX secolo a.C. la popolazione della provincia di Guangdong si fosse decisa a sterminare i locali coccodrilli; pare che un alto funzionario e poeta, tale Han Yu, abbia tentato di avvertire i coccodrilli, persino tramite sacrifici, ma la cosa non funzionò e gli animali vennero massacrati. Oggi questi nuovi resti sembrano provare l’ennesima estinzione causata dall’uomo in tempi storici: i due esemplari studiati sarebbero quindi i muti testimoni di una delle innumerevoli stragi perpetrate dagli umani ai danni dei loro “competitori” animali.
Naturalmente, lo studio di questi reperti ha anche fornito informazioni su anatomia e persino comportamento degli antichi coccodrilli, come per esempio sui richiami sonori dei maschi dei gaviali e sul riconoscimento tra maschio e femmina, che in queste specie più antiche potrebbe essere stato basato sull’udito più che sulla vista. Inoltre, essendo resti subfossili, il materiale genetico potrebbe essere accessibile, e quindi aiutare a migliorare le nostre conoscenze sui rapporti di parentela nei gavialidi.

 

Gaviale e tomistoma


I gavialidi sono divisi in due sottofamiglie viventi (una terza, i griposuchini, è estinta): i gavialini, più robusti e massicci, e i tomistomini, dal muso più esile, rappresentati oggi da una sola specie in serio pericolo di estinzione, il tomistoma. La filogenesi di questi gruppi è molto dibattuta, ma il fatto che il nuovo Hanyusuchus abbia caratteri comuni a entrambi i gruppi lo posizionerebbe alla base della divisione tra le due sottofamiglie.
Tutto sommato, è un po’ come se questo gaviale cinese estinto fosse il “nonno” sia dei gaviali che del tomistoma. Naturalmente i dati sono ancora in elaborazione, ma nuovi ritrovamenti, e la possibile analisi del materiale genetico di Hanyusuchus potrebbero portare a una ben più avanzata comprensione della storia evolutiva recente di questo peculiare gruppo di coccodrilli.

 

 

 

 

 

Eliminati dall’uomo


Come dicevamo, però, i nuovi ritrovamenti hanno anche mostrato un lato più oscuro della storia dei gavialidi: entrambi gli esemplari di Hanyusuchus furono uccisi dagli uomini. I danni riscontrati sullo scheletro sono compatibili con le asce di bronzo in uso nella zona all’epoca, e entrambi gli esemplari sembrano essere stati decapitati (non sappiamo se per ragioni rituali o per macellazione). Queste prove, unite alle fonti storiche, dimostrerebbero che Hanyusuchus avrebbe subito danni a causa della degradazione dell’habitat provocata dagli uomini, ma la causa principale della sua estinzione sarebbe stata la caccia spietata da parte dei locali, una vera e propria operazione di sterminio, come troppe altre nella nostra storia. Dopotutto, sembra proprio che gli uomini non cambino più di tanto nei millenni.

 

 

immagine di copertina: copyright Hikaru Amemiya – Wikimedia

Marco Signore

Laureato a Napoli in Scienze Naturali, PhD all'Università di Bristol in paleobiologia con specializzazioni in morfologia e tafonomia, è nella divulgazione scientifica da quasi 20 anni, e lavora presso la Stazione Zoologica di Napoli "Anton Dohrn". Nel tempo libero si occupa anche di archeologia, oplologia, musica, e cultura e divulgazione ludica.

copertina   novembre-dicembre 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
 
SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.