Sapere Scienza

Sapere Scienza

RUBRICA - L'editoriale

Noi nati negli anni ’60 siamo cresciuti a pane e Guerra fredda. Ai tempi del liceo abbiamo manifestato contro le basi missilistiche in Europa e abbiamo macinato film e libri che parlavano di spie, rifugi antiatomici e inverno nucleare. Era tutto sommato un mondo semplice: i buoni da una parte, i cattivi dall’altra.

Da bambino detestavo il telegiornale del pomeriggio, quello delle 17; nell’attesa della TV dei ragazzi, mi sembrava infinito. Correvano gli anni ’70 e ho un ricordo preciso di quei noiosi TG in bianco e nero: erano pieni di notizie su guerre e tensioni in Medio Oriente e sulle “crisi petrolifere”.

Tag: :

 Sembra ieri, ma sono passati 20 anni dal “baco del millennio”. A mezzanotte del 1° gennaio 2000, si temeva che l’orologio dei sistemi informatici, nei quali l’anno era indicato con due sole cifre, po­tesse tornare indietro di un secolo causando seri problemi pratici: “00” significava infatti 1900 e non 2000.

Eleggiamo il Parlamento Europeo dal 1979, ma molti ignorano quali siano davvero i compiti dell'Unione Europea (UE) e quali i suoi bilanci. Questa comunità di 28 nazioni e 515 milioni di persone ha un budget annuale inferiore a quello del piccolo Belgio: circa 140 miliardi di euro. Ogni cittadino europeo contribuisce alla cassa comune con 75 centesimi al giorno, meno di un caffè. Come si compone questo budget?

Dodici anni fa fui invitato a tenere una conferenza presso la Fondazione di una multinazionale del settore alimentare, in Piemonte. Una fantastica realtà produttiva dove gli stabilimenti erano integrati nel tessuto della città e ospitavano asili e impianti sportivi. Bellissimo l'auditorium per gli eventi culturali, una sorta di cuore dell'impianto industriale. La serata era aperta ai dipendenti e alla cittadinanza; in prima fila – quasi a dare il buon esempio – sedeva un membro di spicco della famiglia che ha fondato e controlla il colosso dolciario. Rimasi colpito che si fosse preso la briga di venire ad ascoltare due giovani ricercatori che parlavano di scienza ed energia.

Vigilia di Natale del 1968, cinquant'anni fa. Tre astronauti della NASA viaggiano nell'orbita lunare a bordo della navicella Apollo 8; una missione importante, in vista dell'allunaggio previsto sette mesi dopo. All'improvviso si trovano davanti uno spettacolo che li lascia senza fiato. Dall'oblò, tra lo spoglio suolo lunare e lo sfondo del buio cosmico, appare la Terra: una fragile e meravigliosa nicchia di vita in un'immensità di materia inanimata.

Tag: :

Il ritorno all'ora solare segna l'inizio dei tre mesi più bui dell'anno, un periodo che in genere ci piace poco, ma che non stravolge le nostre abitudini: la luce del sole lascia il posto all'illuminazione artificiale e la nostra vita continua come prima. Per millenni, invece, le attività giornaliere sono state regolate dai ritmi del sole: al tramonto, tutto si fermava. È indubbio che la sconfitta delle tenebre sia una delle principali conquiste della civiltà umana, anche se il passaggio dalla luce naturale a quella artificiale è ormai un dettaglio irrilevante della nostra giornata. Un dettaglio che però nasconde lati oscuri.

Esattamente dieci anni fa, nell'estate 2008, il petrolio raggiunse la quotazione più alta di sempre: 147 dollari al barile. Oggi, a distanza di un decennio, il greggio viene scambiato alla metà di quel valore record: 74 dollari. Non è stato un calo graduale: analizzando l'andamento del mercato petrolifero nell'ultimo decennio c'è da farsi venire un capogiro.

Tag: :
Pagina 1 di 2

bannerCnrXSapere 0

petrocelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.