Sapere Scienza

Sapere Scienza

Denti per mangiare… e per parlare

di 

In archeologia, nello specifico in paleoantropologia, sono le ossa a raccontare le caratteristiche della vita del passato attraverso un gran numero di indizi. I denti, poi, sono uno scrigno di informazioni che aspettano solo di essere rivelate. Come ho già evidenziato tante volte, questi ambiti di ricerca hanno una grandissima vocazione multidisciplinare e la contaminazione tra tanti punti di vista porta spesso a sorprendenti nuove teorie. Come quella pubblicata recentemente su Science, una ricerca che ha collegato proprio l'analisi degli scheletri fossili con la linguistica e la biologia evolutiva per svelare che progresso tecnologico, alimentazione e sviluppo del linguaggio sono strettamente connessi.

 

Dovremmo essere abituati all'idea che le lingue siano qualcosa di estremamente fluido, soggetto a una miriade di influenze. Eppure c'è un'aura di stupore - e in parte anche di diffidenza - che aleggia sui risultati dell'indagine svolta dagli scienziati dell'Università di Zurigo, del Max Planck Institutes, dell'Università di Lione e della Nanyang Technological University di Singapore. Secondo i dati raccolti i cambiamenti nella dieta degli esseri umani, dovuti al passaggio dall'essere cacciatori-raccoglitori a un'economia basata su agricoltura e allevamento, avrebbero portato a delle modificazioni della posizione dei denti che avrebbe permesso di introdurre suoni quali la lettera f e la v, consonanti dette labiodentali, nelle parole.

 

Questa tesi non è del tutto nuova: nel 1985 il linguista Charles Hockett suggerì che l'impiego di denti, mascelle e mandibole nelle popolazioni di cacciatori-raccoglitori, che si nutrivano di cibi più duri, rendeva difficile la pronuncia dei suoni "f" e "v" e pensò che dovessero essere una innovazione più recente del linguaggio umano. Una supposizione che ha sicuramente pungolato la curiosità dei ricercatori che, con gli strumenti a disposizione oggi, hanno esaminato con attenzione migliaia di linguaggi, hanno testato differenti configurazioni dell'apparato che impieghiamo per parlare mediante simulazioni al computer, con modelli biomeccanici, e hanno passato i dati alla lente di ingrandimento di discipline quali la paleoantropologia, la linguistica le scienze del linguaggio e la biologia evolutiva.

 

 

Ebbene, Hockett non aveva torto: mangiare cibi più morbidi, prodotti e lavorati (ad esempio cotti a lungo o macinati) grazie ai progressi tecnologici legati all'agricoltura, ha modificato la dentatura degli esseri umani e la loro abilità nel pronunciare le consonanti labiodentali, quelle per cui è necessario che gli incisivi superiori poggino sul labbro inferiore. I cibi molto fibrosi, non cotti e non lavorati, richiedevano un morso in cui l'arcata superiore e quella inferiore erano allineate, conformazione che veniva acquisita con i denti definitivi, in età adulta. Consumando cibi più teneri, gli esseri umani hanno iniziato a mantenere la configurazione dei denti da latte in cui la parte superiore era leggermente in avanti rispetto a quella inferiore, permettendo così la pronuncia delle labiodentali.

 

Il dibattito su queste conclusioni è alquanto vivace perché coinvolge anche riflessioni riguardanti lo sviluppo del nostro cervello. La conformazione del cranio si è modificata mangiando alimenti più morbidi e, a questo punto, ci si chiede se i cambiamenti nel linguaggio siano arrivati prima o dopo quelli del cervello. È criticata anche l'assenza nello studio della valutazione di fattori sociali, culturali e cognitivi, o ancora, alcuni ricercatori sono molto preoccupati per una eventuale manipolazione etnocentrica di queste informazioni, che di fatto legano le differenze nelle lingue ad aspetti fisici e biologici e si prestano a pericolosi giudizi di valore sulle lingue stesse.

 

È comunque affascinante pensare che vi sia stata un'evoluzione anche nei suoni dei linguaggi passati. Balthasar Bickel, coautore dell'articolo apparso su Science, ha commentato: "I nostri risultati fanno luce sui complessi collegamenti causali tra pratiche culturali, biologia umana e linguaggio. Sfidano anche la supposizione comune che, quando si tratta di linguaggio, il passato suoni proprio come il presente".

 

Credits immagine di copertina: foto di Sipa da Pixabay

Alessia Colaianni

Giornalista pubblicista, si è laureata in Scienza e Tecnologia per la Diagnostica e Conservazione dei Beni Culturali e ha un dottorato in Geomorfologia e Dinamica Ambientale. Divulga in tutte le forme possibili e, quando può, insegna.

copertina   maggio-giugno 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.