Sapere Scienza

Sapere Scienza

Non cambiare nel corso di centinaia di anni. È ciò che è riuscito a fare un virus nascosto in un corpo trattato per esistere per sempre. Se siete curiosi di scoprire di cosa sto parlando, continuate a leggere il post di oggi.

 

Poche settimane fa, sulla rivista scientifica Plos Pathogens, è stato pubblicato uno studio di paleopatologia riguardante una delle mummie conservate nella Basilica di San Domenico Maggiore, a Napoli. Nella sacrestia di questa chiesa monumentale, costruita nel XIII secolo - casa dei domenicani e luogo di culto eletto per la nobiltà aragonese - sono conservate 38 casse in legno contenenti le spoglie di dieci re e principi aragonesi e di altri membri della nobiltà partenopea, tutti deceduti tra la seconda metà del XV e la fine del XVI secolo. I sarcofagi, decorati con sete, broccati o altri tessuti di pregio, proteggevano corpi quasi tutti mummificati.

 

Chiesa di San Domenico Maggiore Napoli

 

Basilica di San Domenico Maggiore, Napoli. Fonte: IlSistemone (Own work) [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

 

Questi corpi imbalsamati sono un vero e proprio tesoro di informazioni per gli studiosi di malattie del passato che , già negli anni ’80, poterono confrontare i reperti con i dati storici, particolarmente ricchi in quanto si trattava di personaggi storici di cui si conosceva in maniera dettagliata vita e morte. In quella sede non furono svolte, però, indagini che comprendessero le analisi del DNA, esame svolto questa volta dal gruppo di ricerca canadese della McMaster University che è stato testimone di una scoperta straordinaria che ha ribaltato i risultati ottenuti in precedenza.

 

La mummia in questione apparteneva a un bambino di 2 anni, deceduto intorno alla metà del XVI secolo. Nella prima analisi si pensò che la malattia che doveva essere stata fatale per il piccolo dovesse essere il vaiolo: i resti mostravano segni di eruzioni cutanee che sembravano riconducibili a questa terribile patologia, fortunatamente debellata grazie al vaccino. Procedendo al sequenziamento genomico, però, sono emersi nuovi dettagli.

 

L’analisi di frammenti di pelle e ossa prelevati durante le prime campagne di campionamento e poi conservati in contenitori sterili, hanno mostrato la presenza dell’epatite B (HBV) e non del temibile vaiolo. E la reazione cutanea? Probabilmente era una forma di dermatite, la sindrome Giannotti-Crosti, una reazione della pelle a infezioni virali, proprio come l’epatite. Non è tutto. L’analisi genetica del virus ha rivelato che l’HBV, al contrario di tanti altri virus (basti pensare a quello dell’influenza), non è cambiato molto in 450 anni: il ceppo antico e quello recente sono simili e non è stato possibile comprenderne la sua, forse, complessa evoluzione.

 

Hendrick Poinar, a capo del team di ricerca che ha condotto lo studio, ha spiegato con molta chiarezza a cosa serve la paleopatologia proprio in occasione di questa pubblicazione: “Più sappiamo sul comportamento delle pandemie ed epidemie del passato e meglio possiamo comprendere come si comportano i virus e batteri oggi, per cercare di controllarli”.

 

In questo caso, però, un’evoluzione del virus non è stata osservabile, come tutti ci saremmo aspettati. Il progresso può passare anche attraverso ciò che rimane immutato: una mummia – un corpo che dovrebbe superare i capricci del tempo modificandosi il meno possibile- affetta da un virus che sembra essere rimasto sempre lo stesso.

 

Credits: Patterson Ross Z, Klunk J, Fornaciari G, Giuffra V, Duchêne S, Duggan AT, et al. (2018) The paradox of HBV evolution as revealed from a 16th century mummy. PLoS Pathog 14(1): e1006750. https://doi.org/10.1371/journal.ppat.1006750

Alessia Colaianni

Giornalista pubblicista, si è laureata in Scienza e Tecnologia per la Diagnostica e Conservazione dei Beni Culturali e ha un dottorato in Geomorfologia e Dinamica Ambientale. Divulga in tutte le forme possibili e, quando può, insegna.

copertina   settembre-ottobre 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.