Sapere Scienza

Sapere Scienza

La donna che visse due volte: la Gioconda e nuove tecniche diagnostiche

di 

 

Monna Lisa di Leonardo Da Vinci. Fonte: C2RMF retouched" di C2RMF: Galerie de tableaux en très haute définition: image page - Cropped and relevelled from File: Mona Lisa, by Leonardo da Vinci, from C2RMF.jpg. Originally C2RMF: Galerie de tableaux en très haute définition: image page. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons


Non potevo ignorare la notizia della scorsa settimana riguardante alcuni studi effettuati sulla celebre Gioconda (o Monna Lisa): sembra che dietro l’enigmatica donna che i numerosissimi visitatori del Museo del Louvre ammirano e fotografano, si nasconda un altro soggetto femminile. A prescindere dalle riflessioni legate alla storia dell’arte, ho trovato curioso come i ricercatori non si fossero accorti prima delle opere nascoste dietro lo strato visibile. Da cosa è scaturita questa nuova rivelazione?

 


Avevamo già parlato di tecniche analitiche capaci di andare oltre lo strato pittorico esposto ma, effettivamente, in questo caso ci troviamo davanti a qualcosa di diverso, un nuovo metodo: su tutti i giornali è stato indicato come LAM – Layer Amplification Method – ed è un innovativo metodo multispettrale, ossia indaga più lunghezze d’onda riflesse dall’opera oggetto di studio.

 




DIGITIZATION  OF MONA LISA 240MEG.PIXELS di LUMIERE-TECHNOLOGY

 


Fonte: http://www.lumiere-technology.com . Il video spiega la tecnica multispettrale adoperata per lo studio sulla Gioconda di Leonardo Da Vinci

 

Il dipinto è illuminato con un particolare sistema dinamico e la luce riflessa, la quale attraversa in sequenza 13 filtri che vanno dall’ultravioletto all’infrarosso, è registrata da una telecamera avente una risoluzione di ben 240 milioni di pixel. Gli scienziati ottengono così una misura di riflettanza – la porzione di luce incidente che una data superficie è in grado di riflettere – per pixel e, grazie all’elaborazione di tutti i dati a disposizione, è possibile "sfogliare l’opera come una cipolla”, proprio come ha affermato l’ideatore di questa tecnica, il francese Pascal Cotte, fondatore della Lumiere Technology.

 

Una donna diversa che pone nuovi interrogativi a critici e storici dell’arte di tutto il mondo. La Gioconda non smette di stupirci e di presentarci nuovi misteri da svelare.

Alessia Colaianni

Giornalista pubblicista, si è laureata in Scienza e Tecnologia per la Diagnostica e Conservazione dei Beni Culturali e ha un dottorato in Geomorfologia e Dinamica Ambientale. Divulga in tutte le forme possibili e, quando può, insegna.

copertina   settembre-ottobre 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.