Sapere Scienza

Sapere Scienza

Quando arte e scienza si fondono: le cere anatomiche

di 

Eteree e decadenti, belle e spaventose, sofferenti e immortali. Sono le cere anatomiche, una delle espressioni più chiare e affascinanti del connubio tra arte e scienza e di quanto la prima possa supportare la seconda. In Italia sono molte le collezioni che conservano questi delicati manufatti, la cui storia ha inizio lontano da noi nel tempo e nello spazio.

 

In principio la cera, in ambito artistico, era il medium da mescolare con i pigmenti nella pittura a encausto, di cui ci parla Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia, tecnica andata in disuso tra l’VIII e il IX secolo d.C per fare posto prima alle tempere e, in seguito, agli oli. Questo materiale ha continuato a essere il protagonista della fusione a cera persa che, dall’Antica Grecia fino alla Toscana rinascimentale, ha permesso di creare magnifiche statue in bronzo e opere di oreficeria. Ma è il suo ingresso nel mondo dei riti funebri, precristiani prima, e degli ex-voto dopo, che la cera comincia a essere accostata alla statuaria e alla riproduzione anatomica.

 

Di cera erano le maschere funebri del patriziato romano ma anche gli ex-voto - custoditi in chiese, cappelle o località di pellegrinaggio - che spesso rappresentavano parti del corpo malate, per cui si chiedeva la grazia della guarigione, o sane, con le quali si esprimeva gratitudine per il miracolo ottenuto. Questi oggetti devozionali ebbero grande successo nella Firenze, del periodo compreso tra il XIII e il XVII secolo, ma è l’interesse verso lo studio anatomico che avvicinò gli artisti a un materiale così malleabile e mimetico. Nel Cinquecento la cera fu adoperata da Leonardo da Vinci per calchi, modelli, iniettandola addirittura all’interno di cavità corporee di cadaveri per riprodurne fedelmente forma e dimensione: ecco la prima scintilla di quella che sarà l’anatomia plastica, con i suoi protagonisti e le sue collezioni.

 

 

 

 

 

Quando la statuaria in cera divenne strumento ufficiale della conoscenza scientifica? Nel momento in cui la sua accuratezza, il realismo e la relativa stabilità, fecero sì che rappresentasse una valida alternativa a un cadavere da dissezionare, specialmente nei mesi più caldi, per lo studio del corpo umano nelle facoltà di medicina. Tanti furono gli artisti che si avvicendarono nel corso dei secoli e ricche le collezioni in cui furono accolte le loro opere. C’era Gaetano Giulio Zummo (1656-1701), abate siracusano quasi ossessionato dalla vanitas, che lavorò per il Museo La Specola di Firenze, Ercole Lelli (1702-1776) che produsse i primi modelli anatomici a scopo didattico a Bologna. Per la stessa collezione lavorarono Giovanni Manzolini (1700-1755), allievo del Lelli, e sua moglie Anna Morandi (1716-1774): ricercatrice-artista in un’epoca che voleva le donne lontane dalle scienze, oltre a modellare cere di particolare pregio sul piano artistico e tecnico, s’interessò allo studio degli organi di senso ed è sua la scoperta che il muscolo obliquo inferiore dell’occhio, che si riteneva arrestarsi all’apofisi nasale, termini nel sacco lacrimale. Per non parlare di Clemente Susini (1754-1814), della scuola fiorentina, le cui sublimi opere sono conservate a Cagliari.

 

Questo è solo un breve viaggio in un mondo molto più vasto - tanti altri sono gli artisti che si sono cimentati nella tecnica della ceroplastica e le loro opere sparse in tutto il mondo - che ha permesso a tantissimi studenti, in anni in cui non esistevano fotografie, radiografie e TAC, di esplorare il corpo umano e di comprenderne il funzionamento e le patologie che lo affliggono. Ancora una volta l’arte ha contribuito allo sviluppo scientifico, salvando - perché no - anche non metaforicamente, delle vite.

 

“Venerina” di Clemente Susini conservata Museo di Palazzo Poggi, Bologna. Credits: La Rocaille (Museo Palazzo Poggi) [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons

Alessia Colaianni

Giornalista pubblicista, si è laureata in Scienza e Tecnologia per la Diagnostica e Conservazione dei Beni Culturali e ha un dottorato in Geomorfologia e Dinamica Ambientale. Divulga in tutte le forme possibili e, quando può, insegna.

copertina   settembre-ottobre 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.