Sapere Scienza

Sapere Scienza

The Dating Saga IV: l'Archeomagnetismo

di 

 

L’immagine rappresenta il campo magnetico della Terra. Il nostro Pianeta può essere considerato come un dipolo magnetico. È un sistema costituito da due “cariche o masse magnetiche” uguali e di segno opposto con poli magnetici non coincidenti con quelli geografici e con asse inclinato di 11,5° rispetto all'asse di rotazione terrestre. Il campo magnetico generato può mutare. Le sue variazioni temporali possono avvenire in intervalli di tempo differenti, da pochi secondi a milioni di anni. I fenomeni più lenti, chiamati variazioni secolari, hanno la loro origine nelle dinamiche interne al pianeta. Fonte: www.nasa.gov

 


Negli ultimi anni abbiamo spesso sentito parlare, in maniera a volte allarmante, dell’inversione dei poli magnetici del nostro Pianeta. La riduzione dell’intensità del campo magnetico terrestre – come è spiegato in questo comunicato stampa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (http://www.ingv.it/ufficio-stampa/stampa-e-comunicazione/archivio-comunicati-stampa/comunicati-stampa-2014/inversione-di-polarita-magnetica-in-meno-di-un-secolo/) - che solitamente accompagna le inversioni di polarità, potrebbe infatti influenzare il funzionamento di sistemi satellitari e delle reti di distribuzione dell’energia elettrica. Perché parliamo di questo oggi su “Scienza e beni culturali”? La variazione del campo magnetico della Terra nei secoli e un fenomeno fisico legato ad alcuni minerali possono essere adoperati per datare manufatti archeologici. Questo post è dedicato all’archeomagnetismo.

 


L’archeomagnetismo permette di datare un focolare o un’area contenente terra bruciata adoperando il campo magnetico terrestre. Questo metodo è basato sul magnetismo termorimanente dei minerali contenenti ferro – ad esempio ossidi di ferro, proprio quelli dell’ago di una bussola - largamente presenti nelle argille e in suoli argillosi. Cosa significa termorimanente? In ceramiche non riscaldate la direzione di magnetizzazione dei grani singoli di ematite (Fe2O3) e magnetite (Fe3O4) è casuale ma, quando l’argilla è riscaldata ad alte temperature, la direzione di magnetizzazione cambia. I cristalli vengono magnetizzati in direzione parallela al campo magnetico terrestre. Raffreddandosi quell’orientazione magnetica rimane ferma: è questo che noi definiamo magnetizzazione termorimanente.

 

ism archaeomagnetic laboratory005013

 

Schema illustrativo del magnetismo termorimanente. Fonte: www.museum.state.il.us

 


Per datare è necessario misurare sia la direzione sia l’intensità del magnetismo termorimanente. È così che si determinerà la data dell’evento riscaldante. La direzione del magnetismo è definita in termini di declinazione (l’angolo tra il nord magnetico e il nord geografico) e di inclinazione (l’angolo tra la direzione del campo magnetico e il piano orizzontale). È fondamentale che la direzione misurata sia confrontata con una curva della variazione secolare costruita a partire da materiale di età nota.

 

Curiosi di scoprire le applicazioni dell’archeomagnetismo? Allora vi aspetto qui su www.saperescienza.it il 4 aprile. Buona Pasqua a tutti voi e a presto!

Alessia Colaianni

Giornalista pubblicista, si è laureata in Scienza e Tecnologia per la Diagnostica e Conservazione dei Beni Culturali e ha un dottorato in Geomorfologia e Dinamica Ambientale. Divulga in tutte le forme possibili e, quando può, insegna.

copertina   luglio-agosto 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.