Sapere Scienza

Sapere Scienza

Vaccini anti Covid e fake news: non chiamatelo “siero”!

25 Marzo 2021 di 

Nell’assai funesta stagione che siamo costretti a vivere – con il pandemico virus SARS-CoV-2 che ha ormai spezzato oltre 2.700.000 vite nel mondo, 1.000.000 e più delle quali nella sola Europa, dove il nostro Paese già piange almeno 105.000 morti – non passa giorno senza che in almeno un TG nazionale e/o regionale si senta pronunciare la parola “siero” quale sinonimo di “vaccino”, il nostro miglior alleato nella lotta (anche) contro il famigerato beta-coronavirus responsabile della Covid-19 (che si tratti del vaccino prodotto dalla Pfizer-BioNTech o da Moderna, così come di quello messo a punto dall’Università di Oxford e prodotto da AstraZeneca).

 

Cos’è un siero? Qual è la differenza tra siero e vaccino?


Il termine “siero” indica, ove correttamente utilizzato in campo biomedico, la “componente liquida del sangue”, una volta che lo stesso sia stato privato del “fibrinogeno” e della cosiddetta “frazione corpuscolata”, rappresentata dai globuli rossi, dalle piastrine, dai granulociti, dai monociti e dai linfociti.
Ed è proprio nel siero ottenuto dai campioni di sangue prelevati ai nostri consimili che è possibile dimostrare la presenza di anticorpi nei confronti di SARS-CoV-2, sia prodotti a seguito di un’infezione naturale, che generati a seguito della vaccinazione anti Covid-19.
Ne deriva che i sieri ottenuti da pazienti guariti o che si siano comunque immunizzati nei confronti del virus SARS-CoV-2 (i cosiddetti sieri iperimmuni), possono trovare favorevole impiego nella terapia della Covid-19 – in maniera largamente sovrapponibile a quanto avviene per le terapie a base di anticorpi monoclonali – così come di altre patologie a eziologia infettiva per le quali non siano ancora disponibili farmaci ad hoc.

 

Una pandemia di fake news


Chiamare un vaccino con il nome di siero – il fluido biologico in cui è possibile documentare e quantificare, al contempo, la risposta immunitaria (anticorpale) elaborata dall’ospite conseguentemente alla vaccinazione, così come all’infezione – costituisce pertanto un grossolano errore. E, purtroppo, non si tratta di una marchiana imprecisione che trova frequente riscontro nei soli TG nazionali e/o regionali, ma anche sulla carta stampata, così come in molti altri mezzi e strumenti di comunicazione rivolti al grande pubblico.
Questo rituale si perpetua di giorno in giorno e da più mesi a questa parte, nella pressoché totale indifferenza generale e nel segno di una preoccupante deriva dell’informazione, resa ancor più tale dalla colossale montagna di fake news che da oltre un anno fioriscono rigogliose attorno alla vicenda CoviD-19.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha già da tempo coniato l’espressione infodemia, un oltremodo efficace neologismo che ci rimanda all’altra allarmante “epidemia” che si è sviluppata in seno alla pandemia da Covid-19, quella delle fake news per l’appunto!

 

 

Per maggiori informazioni, visitare il portale ufficiale del Ministero della Salute.

Giovanni Di Guardo

Giovanni Di Guardo si è laureato in Medicina Veterinaria nel 1982 presso l'Università di Bologna e ha ottenuto nel 1995 la qualifica di "Diplomato del Collegio Europeo dei Patologi Veterinari". Già Docente di Patologia Generale e Fisiopatologia Veterinaria presso l'Università degli Studi di Teramo, è autore di oltre 500 lavori scientifici, 150 dei quali pubblicati su riviste internazionali peer-reviewed. Nutre uno spiccato interesse nei confronti della patologia comparata e della ricerca sulle malattie animali quali potenziali modelli di studio nei confronti delle controparti lesive proprie della specie umana, come l’infezione da SARS-CoV-2.

9788822094513   settembre-ottobre 2021

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

grandivoci 3 col

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.