Sapere Scienza

Sapere Scienza

Borexino Individua per la prima volta neutrini dal mantello terrestre

21 Agosto 2015

Neutrini che provengono dal mantello terrestre. A individuarli, per la prima volta, è stato l'esperimento Borexino, condotto dagli scienziati dell'INFN (Istituto Nazionale Fisica Nucleare) ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Physical Review D.
Sulla base di questa rilevazione, i ricercatori hanno potuto comprendere meglio il meccanismo di generazione del calore interno della Terra.

I neutrini generati all'interno della Terra, o geoneutrini, sono il risultato del decadimento degli isotopi uranio-238 e torio-232 del mantello e la componente radiogenica dell'energia che riscalda il pianeta dall'interno è stata calcolata in circa 33 terawatt, un valore superiore a quello finora stimato. Questo calore è sufficiente da solo a sostenere i moti convettivi del mantello fludio, che sono responsabili di importanti processi come il movimento delle placche, l'attività vulcanica e i terremoti. Borexino aveva individuato nel 2010 geoneutrini, ma in numero non sufficiente per stabilire se provenissero da decadimenti radioattivi verificatisi nel mantello o nella crosta terrestre.

copertina   novembre-dicembre 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
 
SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.