Sapere Scienza

Sapere Scienza

#TheDress: ecco perché i suoi colori si percepiscono così

2 Marzo 2015

Tutto è iniziato da un post su Tumblr in cui un utente chiedeva, disperato, quali fossero i colori di un vestito che a persone diverse appariva blu e nero oppure oro e bianco. Il vestito in questione sarebbe ben presto diventato #TheDress, secondo un hashtag rilanciato in rete da milioni di persone e protagonista di un dibattito su BuzzFeed con quasi 30 milioni di contributi.

 

Questione di cervello...

Anche se le persone percepiscono i colori sulla base di alcune strutture oculari deputate a questo scopo, chiamate coni, il motivo per il quale vediamo i colori con determinate sfumature è da ricercarsi nel cervello. "Il cervello vede in un determinato modo certi colori a seconda del momento della giornata in cui li guarda e in base alle condizioni di luminosità" spiega Thomas Stokkerman, che dirige la divisione di optometria dello UH Case Medical Center di Cleveland, Ohio. "Quello che scatta è una sorta di processo di filtro che il cervello applica, sulla base del quale gli stessi oggetti possono apparire rossastri all'alba e al tramonto, ma bluastri nel bel mezzo della giornata". Nel caso del famigerato vestito, quelli che hanno pensato che fosse illuminato da una luce blu lo hanno visto bianco e oro. Quelli che invece hanno percepito l’illuminazione come rossastra lo hanno visto blu e nero. La cosa notevole è che l’immagine stessa permette entrambe le interpretazioni: l'illuminazione sembra bluastra nella parte superiore, ma giallastra/rossastra in quella inferiore. I colori di un oggetto, inoltre, possono apparire differenti a seconda di cosa gli sta vicino oppure anche in dipendenza dei ricordi e delle esperienze di chi sta osservando. "Per esempio, le persone che vivono al di sopra del Circolo Polare Artico hanno molti nomi per i differenti colori della neve, ma per la maggior parte di noi la neve è semplicemente bianca. Così, una borsa che per qualcuno è turchese può essere verde per altri, e per altri ancora blu" ha commentato Lisa Lystad, oftalmologo del Cole Eye Institute.

 

... ma anche di retina

Insomma, cataratta, daltonismo e altre malattie degli occhi non sono gli unici fenomeni in grado di alterare la percezione dei colori e vedere il famoso vestito in modo diverso dagli altri non significa avere un problema visivo: "La percezione comincia nell'occhio, ma è il cervello che dà il nome al colore" aggiunge Lystad. Qualche specialista si sbilancia poi a legare questo strano fenomeno al cosiddetto principio della inibizione laterale. "Si tratta di un fenomeno complesso e non ancora compreso completamente per cui le cellule della retina, che sono moltissime, possono avere una sorta di 'variabilità percettiva' nel momento in cui si trovano a decodificare linee di colore che si sviluppano in senso orizzontale e/o verticale. In questi casi alcune cellule che hanno come obiettivo la visione orizzontale tendono a non percepire perfettamente le linee cromatiche, specie se si sovrappongono a linee verticali, anche senza essere intersecate da esse. Per questo a volte, specie sulle aree che caratterizzano i 'confini' tra le due tonalità cromatiche, si possono avere sovrapposizioni o sfumature che portano a una percezione diversa da persona a persona di uno stesso colore di base, anche se queste sono perfettamente sane" ha spiegato Massimo Nicolò, della Clinica oculistica dell'Università di Genova.

copertina   novembre-dicembre 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
 
SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.