Sapere Scienza

Sapere Scienza

Hawking: "I buchi neri potrebbero essere passaggi per altri universi"

26 Agosto 2015

Qualcosa potrebbe "sopravvivere" a un buco nero. Parola di Stephen Hawking, che ha affermato che, se qualcosa precipita in un buco nero, potrebbero ancora restarne tracce.

La scienza afferma che alla gravità di un buco nero (ce ne sono cento milioni solo nella nostra galassia e uno al centro, grande come oltre un miliardo di stelle come il nostro Sole) nulla può sfuggire, nemmeno la luce.

Durante un incontro tenuto al KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, Hawking ha però spiegato che, forse, una scappatoia potrebbe esistere.

Cominciamo dal cosiddetto "paradosso dell'informazione". Per decenni, i fisici si sono chiesti cosa succede all'informazione di una particella - ossia al complesso delle proprietà di una particella - quando incontra un buco nero? Può passare attraverso di esso? Apparentemente no, ma la distruzione dell'informazione viola le leggi della meccanica quantistica. "Io propongo che l'informazione non finisca conservata all'interno del buco nero, ma sul suo bordo, sull'orizzonte degli eventi" ha affermato Hawking. L'informazione, secondo il geniale fisico inglese, potrebbe dunque conservarsi sull'orizzonte degli eventi sotto forma di ologramma, per poi uscire almeno in parte - anche se "in una forma inutilizzabile" - e ritrovarsi in un altro Universo. L'articolo su cui Hawking e colleghi stanno lavorando è di prossima pubblicazione e chiarirà tutti gli aspetti più complessi di questa affascinante teoria.

copertina sapere 5 2020   settembre-ottobre 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.