Sapere Scienza

Sapere Scienza

Perché seguire la dieta mediterranea?

di 

Nonostante i noti benefici della dieta mediterranea, meno del 50% degli italiani la segue in modo corretto. Ma in cosa consiste la "dieta mediterranea"? È uno stile di vita che comprende non solo l'alimentazione tipica dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ma anche le tradizioni, le consuetudini e la convivialità legati all'alimentazione stessa.

 

La dieta mediterranea è basata anche sul concetto di sostenibilità, che consiste nel rispetto per l'ambiente e nella riduzione dello spreco alimentare, elementi che contribuiscono entrambi alla possibilità di vivere una vita sana in un ambiente sano e alla conservazione e protezione del territorio e delle tradizioni per le generazioni future.
L'alimentazione tipica del Mediterraneo presenta radici molto antiche e deriva dalla fusione di diverse tradizioni nell'arco dei secoli: tutte confluiscono nell'utilizzo di cereali, olio d'oliva e verdure come principali basi per ricette semplici e, allo stesso tempo, ricche di sapori.

 

Perché parliamo di dieta mediterranea in questa rubrica? Perché essa è universalmente riconosciuta come uno stile di vita in grado di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, diabete, obesità e tumori. È il principio ispiratore di tutte le linee guida - stilate da organizzazioni nazionali e internazionali - per una sana alimentazione e per la prevenzione di diverse patologie metaboliche.

 

I primi a proporre una correlazione tra alimentazione e rischio di malattie cardiovascolari furono due scienziati (e coniugi) americani, Margaret e Ancel Keys, che si trasferirono in un paese del Cilento negli anni '50 e studiarono qui usi e comportamenti delle popolazioni mediterranee. Diedero, inoltre, inizio al "Seven Countries Study": una lunga ricerca sviluppata in Italia, Finlandia, USA, Paesi Bassi, Grecia, Jugoslavia e Giappone, che fornì le prime prove scientifiche a favore della tesi secondo la quale l'alimentazione delle aree costiere del Mediterraneo è associata a un migliore stato di salute della popolazione rispetto a regioni che non fanno parte di quest'area.

 

Nel 2010 la dieta mediterranea è stata dichiarata patrimonio immateriale dell'umanità dall'UNESCO. Da un estratto delle linee guida:
"La Dieta Mediterranea racchiude in sé valori intangibili che possono essere declinati secondo i seguenti macro-temi, identificabili con i valori delle diete sostenibili:

  • sicurezza alimentare/salute, legato alla nutrizione, alla prevenzione delle malattie sociali e alla qualità dei prodotti agro-alimentari;
  • ambientale e paesaggistico, legato alla sostenibilità nell'utilizzo delle risorse, alla tutela del territorio, della biodiversità e degli ecosistemi;
  • socio-culturale, legato alla convivialità, alla cultura della tavola, alle tradizioni e abitudini di un territorio, agli stili di vita;
  • economico, legato all'accessibilità dei prodotti per tutti i consumatori".

 

Ad oggi numerose sono le prove a favore del fatto che la dieta mediterranea possa ridurre il rischio cardiovascolare e la sindrome metabolica, se associata ad attività fisica moderata e costante. I documenti internazionali, e anche le "Linee guida per una sana alimentazione italiana", stilate dall'INRAN-Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione nel 2003 e ancora attuali, sono basate sulla dieta mediterranea e comprendono una serie di comportamenti atti a ridurre la sedentarietà.

 

Cosa si mangia seguendo la dieta mediterranea? È un regime alimentare basato su un elevato consumo di frutta e verdura, di legumi, pesce, cereali integrali e olio di oliva, e su un moderato consumo di vino, carne (soprattutto rossa), insaccati e alimenti contenenti grassi saturi, come ad esempio formaggi, burro e altri grassi animali. Per la maggior parte sono cibi ricchi in fibra, vitamine, sali minerali e in numerosi composti con effetto protettivo verso le cosiddette "malattie del benessere".

 

I moderni protocolli suggeriscono di fare attenzione anche alla quantità e alla distribuzione dei vari nutrienti durante ogni pasto, oltre alla qualità del cibo: l'introito energetico giornaliero deve infatti provenire per il 45-60% dai carboidrati, meglio se complessi, per il 20-35% dai grassi, privilegiando l'olio di oliva e riducendo al massimo i grassi saturi, e per il 10-15% da proteine, privilegiando quelle di origine vegetale e quelle provenienti da carni bianche o da pesce .

 

Abbiamo a disposizione un vero patrimonio di tradizioni, cultura, sapori, colori e condivisione. Perché non usufruirne?

 

Credits immagine: foto di Lukas Bieri da Pixabay

Tiziana Melillo

Laureata in Scienze Biologiche e specialista in Microbiologia e Virologia, ha inoltre conseguito un master in "Nutrizione personalizzata: basi molecolari e genetiche". Attualmente lavora come microbiologa nel Laboratorio Analisi dell'Ospedale Fatebenefratelli di Roma e insegna Microbiologia Clinica presso l'Università di Tor Vergata. Esercita anche attività privata di nutrizionista.

copertina   luglio-agosto 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.