Sapere Scienza

Sapere Scienza

C'è del magma che risale sotto l'Appennino

10 Gennaio 2018

I ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e dell’Università di Perugia hanno pubblicato, sulla rivista Science Advances, i risultati di uno studio che ha rivelato la presenza di intrusioni attive di magma sotto l’Appennino meridionale. Cosa significa e cosa comportano questi fenomeni?

 

Lo studio

 

“Seismic signature of active intrusion in mountain chains” è il titolo del lavoro pubblicato da un team di studiosi dell’INGV e del Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia. I dati raccolti sui terremoti e gli acquiferi dell’Appennino meridionale hanno dimostrato la presenza di magma in profondità nella zona del Sannio-Matese: a partire da informazioni sismiche e geochimiche, sono stati sviluppati dei modelli di risalita dei fluidi per comprendere le condizioni di intrusione del magma.

 

banner articoli sapere

 

Magma e terremoti

 

Nel comunicato stampa diffuso dall’INGV, Francesca Di Luccio, geofisica INGV e coordinatrice, e Guido Ventura, appartenente al gruppo di ricerca, hanno spiegato: “Le catene montuose sono generalmente caratterizzate da terremoti riconducibili all’attivazione di faglie che si muovono in risposta a sforzi tettonici tuttavia, studiando una sequenza sismica anomala, avvenuta nel dicembre 2013-2014 nell’area del Sannio-Matese, con magnitudo massima 5, abbiamo scoperto che questi terremoti sono stati innescati da una risalita di magma nella crosta tra i 15 e i 25 km di profondità. Un’anomalia legata non solo alla profondità dei terremoti di questa sequenza (tra 10 e 25 km), rispetto a quella più superficiale dell’area (minore di 10-15 km), ma anche alle forme d’onda degli eventi più importanti, simili a quelle dei terremoti in aree vulcaniche”.

 

Nuove strade

 

Questa ricerca sottolinea come le intrusioni di magma possano generare terremoti di magnitudo elevata e apre nuove strade all’identificazione di zone di risalita del magma all’interno di catene montuose, alla comprensione dei meccanismi di evoluzione della crosta terrestre e all’interpretazione della sismicità nelle catene montuose finalizzata alla valutazione del rischio sismico.

copertina   settembre-ottobre 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.